Fisco Espress guida pratica fiscale - servizio documentazione tributaria, modulistica fiscale, novita fiscali, nuova normativa fiscale, consulenza amministrativa fiscale e tributaria Fisco Espress guida pratica fiscale

il fisco a portata di click

09/12/2015

Il contenzioso tributario nei diversi gradi di giudizio

 

Aggiornato al mese di Dicembre 2015

Sotto la lente

Sintesi periodica di temi trattati e di interesse

per gli operatori professionali ed aziende

 

Il contenzioso tributario nei diversi gradi di giudizio

 

Il contribuente quando riceve un avviso di accertamento od una cartella di pagamento ha diverse opzioni da esaminare prima di dare corso al pagamento dell’importo oppure presentare ricorso presso la competente Commissione Tributaria Provinciale.

La scelta di uno dei riti alternativi può riguardare una iniziale richiesta di autotutela all’ufficio competente affinché riesamini il documento emesso alla luce di nuove e più precise informazioni che si possono fornire al medesimo se non preventivamente richieste, per passare alla presentazione di una istanza di adesione fiscale o al ravvedimento operoso per finire con l’accettare il rilievo e pagare nei termini del ricorso, in tal modo si riducono in modo consistente le sanzioni.

La decisione della Commissione Tributaria Provinciale se favorevole va immediatamente comunicata all’ente impositore affinché si adegui a quanto stabilito, compreso l’emissione dell’ordine di sgravio quando vi è una cartella di pagamento oggetto di riscossione anche in vigenza di temporanea sospensione.

Il ricorso al contenzioso porta all’impugnazione dell’atto con precise modalità e rispetto dei termini di notifica con un periodo abbastanza lungo di durata del medesimo fino alla decisione di primo grado la quale può essere impugnata dalla parte soccombente presso la Commissione Tributaria Regionale, ultimo grado di giudizio di merito poiché la decisione di quest’ultima può essere impugnata presso la Suprema Corte di Cassazione ma solo per quanto attiene l’applicazione del diritto e non per la determinazione del quantum dovuto all’erario.

Il processo Tributario oggi si sviluppa sostanzialmente con le stesse modalità del processo civile e quindi la conoscenza della normativa in materia di procedura civile è importante.

A partire dai ricorsi in appello contro le sentenze di primo grado notificati dal 13/12/2014 è stato soppresso l’obbligo di depositare la copia dell’appello presso la CTP (art. 36 D.lgs. n. 175 del 21/11/2014) e dal 2016 è possibile sia la conciliazione giudiziale che la richiesta di sospensione della sentenza di primo grado.

 

Il Centro Studi

www.fiscoespress.it

Autore

Giuseppe Iannibelli

(Dr. Commercialista in Bologna)

 

Altri Focus Vedi tutti
TAG

categorie

ti suggeriamo anche

Vedi tutti
Fisco Espress è anche un centro studi per consulenza amministrativa fiscale e tributaria Fisco Espress è anche un centro studi per consulenza amministrativa fiscale e tributaria
Fisco Espress iscrizione: le novità sui moduli fiscali gratis con la newsletter fiscale e tributaria Fisco Espress iscrizione: le novità sui moduli fiscali gratis con la newsletter fiscale e tributaria

CARRELLO  0 documenti

Accedi a FiscoEspress Chiudi